DIGITANALOGICO

Babbo Natale esiste e qualche anno fa si è presentato con lei... Bellissima, vintaggissima, affascinante ma soprattutto misteriosa. Quasi indentica, nel design, a quella reflex digitale Oly con cui sono entrato nel mondo della fotografia. Perchè io ho iniziato a scattare con una digitale, e pensavo che la pellicola fosse semplicemente un supporto differente su cui imprimere le immagini. Poi ammettiamolo... con la reflex analogica al collo ci sentiamo tutti più fighi e guardiamo i nativi digitali dall'alto in basso. Corri quindi a comprare pellicole e inizia a macinare scatti. All'inizio l'impossibilità di controllare il risultato crea ansia da prestazione, che si trasforma in eccitazione quando invece porti a sviluppare il tuo primo rotolino. Il passo successivo è l'allestimento di una micro camera oscura. Ingranditore, vaschette, acidi... perchè se non stampi da solo perdi la metà del divertimento, dicevano. Morale della favola....dopo qualche tempo la Oly è diventato un fantastico soprammobile e la camera oscura conitnua ad accomulare polvere. Questo perchè ho semplicemente capito che non si tratta solo di registrare le foto su una memoria o imprimerle su una pellicola, è proprio un altro modo di fotografare e vivere la fotografia. Cosa che a parere mio non hanno ancora capito tanti fotografi che hanno fatto il passaggio inverso