L’epoca della coltivazione del cavallo in Sardegna è sconosciuta;
vi sono nondimeno vestigi di coltivazione antichissima:
da tempo immemorabile si corre per i drappi per tutto il regno
con una unversalità di cui non vi sono esempi altrove,
poichè non v’è quasi casale, fosse ancora di soli cinquanta fuochi,
ove non si corra almeno una volta l’anno;
or le corse principalmente con tanto studio, non hanno luogo
senza la presenza di nobili cavalli, e sono un artifizio per fargli esistere;
però quanto sono antiche le corse, altrettanto antica deve essere
la coltivazione del cavallo.

 

Francesco Cetti

I quadrupedi di Sardegna, Sassari 1774

 

TORNA AL SITO